Salta al contenuto principale

Guida: Installare Proxmox VE 8 la Virtualizzazione Open Source

Ambiente di virtualizzazione Opensource, installare Proxmox VE 8 (PVE) permette di eseguire virtual machine KVM, QEMU e di orchestrare container LXC
La virtualizzazione basata su Debian, permette di creare nuove macchine e template, live snapshot, dump, backup, facilita l'amministrazione e riduce i tempi di disaster recovery

Proxmox Virtual Environment (PVE) integra la possibilità di effettuare la sincronizzazione fra nodi, creare e gestire cluster, utilizzare API REST, filesystem ZFS e Ceph
Potete trovare la lista dei pacchetti presenti nella distribuzione, le nuove release e altre informazioni su Distrowatch

Se hai bisogno di una consulenza professionale e competente, prova la nostra Assistenza Proxmox

Installare Proxmox VE 8

Per installare Proxmox VE 8, è necessario scaricare l'immagine ISO, dal repository ufficiale, il live installer ci guiderà nella procedura d'installazione

Al termine dell'installazione potremo connetterci all'interfaccia HTTPS tramite la porta 8006, default di Proxmox

Confronto versioni

PVE 8 implementa molti aggiornamenti nel settore virtualizzazione, container e fix per la stabilità
La nuova versione è basata su Debian 12 con gli ultimi kernel e aggiornamenti per offrire maggior supporto ai nuovi hardware
La precedente versione, Proxmox 7, si basa su Debian 11, il cui supporto è destinato a terminare, ed è a oggi garantito fino a Luglio 2024

1. Creare un device USB avviabile

Per gli utenti Linux sarà sufficiente scrivere l'immagine su un device USB utilizzando il comando dd nella cartella di download

cd Scaricati

sudo dd bs=1M conv=fdatasync if=./proxmox-ve_*.iso of=/dev/device-usb-scelto

Su Windows è consigliato utilizzare Etcher, seguendo il percorso guidato e selezionando ISO e DVD, in alternativa è disponibile Rufus ricordando di utilizzare l'opzione DD mode

Per gli utenti Mac, il procedimento è molto simile a quello di Linux, è necessario però effettuare qualche passaggio in più
La guida completa è disponibile sul Wiki ufficiale alla pagina Prepare installation media

2. Avviare l'installazione

Avviamo il nostro server da dispositivo USB e ci si presenterà il bootloader, con "Install Proxmox VE" selezionato come default, tramite il tasto invio lanciamo l'esecuzione

Schermata del bootloader durante l'installazione di Proxmox VE 8

Nella schermata successiva accettiamo la licenza

Licenza Eula

Selezioniamo il disco, eventualmente possiamo selezionare il filesystem, o configurare un RAID.

Selezione disco e filesystem

Configuriamo il fuso orario (time zone) della macchina

Proxmox selezione Timezone

Impostiamo la password dell'utente root, che utilizzeremo per l'amministrazione.
Proxmox supporta l'autenticazione tramite Active Directory e LDAP, gruppi e permessi granulari sugli utenti.

Impostazione password root

Configuriamo un indirizzo IP statico per l'ambiente di virtualizzazione PVE

Proxmox IP address setup

Le configurazioni dell'installazione a questo punto sono terminate, verifichiamo di avere configurato tutto correttamente nel sommario finale e procediamo a installare Proxmox VE

Installazione Proxmox VE sommario

Terminate le operazioni di installazione, è richiesto di riavviare, dopo pochi secondi, ci si presenterà la console di Proxmox con indirizzo IP della macchina

Proxmox login console

3. Collegamento interfaccia web Proxmox

La porta di default di Proxmox è la 8006 in HTTPS, per connetterci utilizziamo il nostro browser preferito, nel mio caso Firefox,  utilizzando l'indirizzo che viene visualizzato nella console a IP-di-Proxmox:8006

Accettiamo il certificato HTTPS auto generato

Proxmox certificato https

Dopo avere inserito le nostre credenziali di amministratore (root) possiamo utilizzare l'interfaccia di amministrazione

Interfaccia amministrazione Proxmox VE 8

Macchine virtuali e Container LXC

A differenza delle virtual machine, i container non utilizzano un hypervisor (software che consente l'esecuzione di più istanze di sistemi operativi) e permettono di risparmiare le risorse, che sarebbero sprecate dalla virtualizzazione.
Normalmente il costo in risorse della virtualizzazione, è del 10-15%, ad esempio, Microsoft dichiara un overhead per Hyper-V dal 9% al 12%
I container invece, anche se con strati di isolamento, effettuano chiamate al kernel dell'host, e hanno una perdita inferiore all'1%

Nei prossimi post vedremo come eseguire il nostro primo container LXC

Se hai bisogno di un servizio professionale per gestire la tua Proxmox VE, prova la nostra Consulenza Proxmox

Aggiungi un commento

Text Only

  • Nessun tag HTML consentito.